Il risveglio del vulcano Puyehue

La nube emessa dal vulcano Puyehue

Il vulcano Puyehue nelle Ande cilene si è risvegliato dopo 50 anni con un’eruzione spettacolare, accompagnata però da un’enorme quantità di cenere che si è diffusa nei cieli di Cile e Argentina: 4000 persone evacuate in Cile e aeroporti chiusi a Buenos Aires.
Nel sito della RAI del 5 giugno e in quello del Corriere della Sera potete ammirare lo spettacolo prodotto dal vulcano, ma anche le difficoltà causate dalle ceneri che si sono depositate ovunque.
Il vulcano si trova vulcano si trova nelle Ande, circa 800 km a sud di Santiago e 1400 km a ovest di Buenos Aires, ma la nube di polvere che si è alzate fino a 12.000 m di altezza si è sparsa su tutta la Patagonia ed ha raggiunto la capitale argentina.Si può osservare dallo spazio la nube che si diffonde nel video del sito della RAI del 7 giugno.
Anche se si trovano in una zona disabitata i vulcani, con le loro emissioni di gas, polveri e ceneri, possono causare gravi danni economici impedendo i collegamenti aerei, ma anche danneggiando le colture su grandi aree e inquinando le acque potabili: in Cile sono stati subito mandati i militari con convogli di rifornimaneto di acqua potabile per le popolazioni della zona.

Altre eruzioni recenti
In maggio l’eruzione del vulcano islandese Grimsvötn con l’emissione di polveri che hanno oscurato i cieli europei ha causato il blocco di parecchi scali con disagi anche per il viaggio di Barack Obama in Europa, vedi il sto di News 2U, e nell’aprile dell’anno scorso un altro vulcano islandese, l’Eyjafjöll, aveva bloccato gli aeroporti di mezza Europa, con oltre 100 mila voli annullati.

 
 

La posizione del vulcano nella Cordigliera delle Ande.

 

Per fare geo
Potete trovare il vulcano su Google Maps digitando nello spazio per l’indirizzo: “Puyehue-Cordón Caulle, Río Bueno, Provincia di Ranco, Regione di Los Ríos, Cile” e scegliendo di visualizzare l’immagine satellitare. Poi variate la scala per osservare la localizzazione rispetto all’America Meridionale.

Questo post appartiene alla categoria Emergenze ambientali. Tag: , , , , , , , , . Bookmark del permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>